25 novembre: smettetela di dare i numeri

[di Alessia Sorgato, avvocato penalista]

 

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne 2020: che dirne? Un anno così non lo avevamo ancora vissuto, ci ha rivoluzionato l’esistenza, ma anche quest’anno le redazioni sono a caccia di cifre. Quante donne sono morte per mano dei congiunti, quante maltrattate, sono più o meno dello scorso anno?

 

Numeri inutili, o meglio, numeri da contestualizzare, perché a marzo nessuna chiedeva aiuto e maggio erano in numero doppio rispetto al 2019. Colpa del confinamento domiciliare.

 

Date i veri, di numeri

 

Quante case rifugio chiuse per Covid, o la cui capienza, dimezzata per contagi, non è mai stata ripristinata per mancanza di fondi per sanificare?

Quante denunce destinate a finire in un nulla di fatto, perché alla riapertura dal primo lockdown fioccavano le richieste di archiviazione dopo mesi di indagine in stallo?

Quante udienze – soprattutto quelle per i c.d. reati sentinella di competenza del giudice di pace, rinviate all’infinito e quindi a rischio prescrizione?

Quante sentenze passate in giudicato, la cui esecuzione è stata sospesa facendo domanda al tribunale di sorveglianza che, se va bene, se ne occuperà tra 4 anni lasciando nel frattempo il condannato libero? Quanti risarcimenti riconosciuti alla parte lesa mai pagati senza conseguenze?

E poi, parliamo anche di noi, gli avvocati delle vittime, quante parcelle incassate?

A prescindere dal reddito dell’assistita, infatti, i legali seri e intellettualmente onesti devono comunicarle che ha diritto al patrocinio a spese dello Stato. Una volta concessoLe, sarà il Ministero a riconoscere gli onorari, ma con tariffe bassissime. E poi, quanto si aspetta una liquidazione, e da quella alla fattura quanto trascorre, e dalla fattura all’incasso quanto ancora? Dipende dai Fori, ma in molti tribunali il meccanismo è inceppato perché il cancelliere si è ammalato o è andato in pensione e nessuno pensa di sostituirlo. Mantova e Bergamo sono in queste condizioni. Busto Arsizio lo sarà a breve.

 

Date pur i numeri, ma date anche questi.

Lascia un commento