La prefazione di Maurizio Costanzo

(Questo è la prefazione dell’ultimo libro di A. Sorgato “Giù le mani dalle donne”. Per tornare alla pagina di presentazione del libro clicca qui)

Lo dico subito, questo libro di Alessia Sorgato è un libro importante.

Lo è in se stesso, per i suoi contenuti e per come vengono raccontati. Ma lo è ancor di più perché si pubblica in un momento nel quale c’è il quotidiano bisogno di tenere al centro dell’attenzione questa violenza ripetuta sulle donne. Il numero di donne che vengono uccise ogni anno è spaventoso ed è andato via via aumentando. Ma quel che è ancor più grave, e qui il libro ne fa fedele testimonianza, è il numero di violenze che le donne costantemente subiscono.

Ad esempio, molti uomini, non sempre o quasi mai legittimamente, si sottraggono all’obbligo degli assegni familiari, l’assegno di mantenimento per la moglie e per i figli come stabilito dal giudice. Ebbene, questa è una forma di violenza che quotidianamente rende in salita la vita di una ex moglie e di una madre. Non possiamo dimenticare, tra violenze e maltrattamenti, lo stalking. Nei confronti dello stalking solo qualche anno fa è stata promulgata una legge.

Il problema è che spesso alle denunce di stalking gli organi preposti a far rispettare la legge tardano negli interventi o addirittura proprio non li eseguono.

Pensiamo anche al numero di violenze sessuali, di stupri e di aggressioni alle quali le donne sono sottoposte da uomini privi di qualsiasi sensibilità ed educazione. La verità è che bisognerebbe, e anche in tempi rapidi, avviare corsi specifici per bambini, dalle elementari in poi. È necessario da subito spiegare ai maschi come sono le femmine al fine di impedire che il maschio, che viene da discorsi sbagliati di fratelli, di genitori, di zii o di cugini, faccia subito branco con tutte le conseguenze che conosciamo.

È impressionante leggere i resoconti di alcune meritevoli associazioni che cercano di aiutare appunto le donne aggredite, violentate, maltrattate. Eppure tutti noi conosciamo frequentatori di questi reati, ma non lo sappiamo. Sarebbe importante, al contrario, poterli emarginare subito all’interno della società, al fine di farli ravvedere, di far loro capire, dato che forse prima non lo ha fatto nessuno, chi è la donna e cosa vuol dire convivenza civile.

Vorrei ricordare che Alessia Sorgato, autrice di questo libro, è un avvocato penalista milanese, da sempre impegnata a fianco delle donne. Tra l’altro, dal momento che a lei si rivolgono persone non abbienti, l’avvocato Sorgato non esita a difenderle in regime di gratuito patrocinio, facendo un sacrificio dal momento che tutti conosciamo i tempi impiegati dallo Stato per risarcire chi in nome dello Stato si è impegnato ad esempio in tribunale.

Immagino che Giù le mani dalle donne troverà più facilmente e più rapidamente un pubblico femminile che ne apprezzerà i contenuti e le prese di posizione. Il mio augurio è che a leggerlo siano anche gli uomini, anche quelli che si com-
portano per bene. È opportuno che sappiano quale inferno sono costrette a vivere le donne.

Maurizio Costanzo

(Questo è la prefazione dell’ultimo libro di A. Sorgato “Giù le mani dalle donne”. Per tornare alla pagina di presentazione del libro clicca qui)